Venerdì 4 luglio, il Festival Beat entra nel vivo con la prima serata all’area live di Ponte Ghiara

cropped-banner-copia.jpg

Il Festival Beat continua e, stasera, con i concerti all’area live di Ponte Ghiara, entra nel vivo. La giornata prenderà il via, alle ore 14.30, con il Pool Party alla Piscina Leoni (Viale Del Lavoro 2 – Salsomaggiore) con la Festival Beat Dj Crew. Alle ore 17.30 al Cafè Desireè di Largo Roma aperitivo con Monogawa Dj Crew (Cesena) con presentazione del libro “Surf Play”; presentano Franz A Fiorentino e Tommaso Lavizzari, modera Gino Delledonne.

Alle ore 18 appuntamento al Mad Cafè (Viale Romagnosi 5) con l’aperitivo a cura della Festival Beat Djs Crew. Aperitivi anche al tennis Club Terrace (Viale del Lavoro) con il Sur’f’roll Party with Surfer’s Den a cura della Fog Surfers Dj Crew veronese.

Sempre alle ore 18, al Devil’s Den Pub (Viale Patrioti) aperitivo con concerti live dei Leeches (Italy) e dei Los Illegales! (Mexico). Per i “pesi massimi” del nostro punk-rock d’assalto si tratta della prima volta al Festival Beat, e intendono onorarla mettendo a ferro e fuoco il Devil’s Den con i loro suoni cattivi e scorretti. E’ proprio questo il bello della kermesse salsese: c’è una visione del garage a 360°, senza troppe distinzioni, con sconfinamenti nel punk e nel rock tutto birra e sudore. Ce n’è per tutti i gusti, al Festival Beat, e la presenza dei Leeches ne è la dimostrazione.

Un certo mistero avvolge la band “messicana” Los Illegales! pronta a dare l’assalto al Devil’s Den col suo punk a bassa fedeltà ad alto tasso garagistico. Nulla è dato sapere, se non che i Los Illegales suonano tanto sgangherati quanto determinati a fare sfracelli. Le premesse perché ne venga fuori uno show all’arma bianca ci sono tutte, prepariamoci adeguatamente.

Dalle ore 20 apriranno i cancelli dell’Area Live di Ponte Ghiara (entrata 15 euro, servizio bus ogni 45 minuti da Salsomaggiore all’area).

Alle ore 21.30 il cartellone prevede il set acustico di Kepy Ghoulie (Usa). Kepi Ghoulie, per quei pochi che non lo sapessero, è una piccola grande leggenda. Gli appassionati di pop-punk lo venerano per il suo passato nei Groovie Ghoulies ma anche per il suo presente “fedele alla linea”: punk, pop, attitudine scanzonata, melodie a profusione e un approccio alla materia 100% Ramones. Tradotto: l’uomo giusto per il Festival Beat e le sue gradite “variazioni di percorso”. A Salsomaggiore è di casa, ma rivederlo è sempre un piacere.

Alle ore 22 calcheranno il palco gli svizzeri Jackets. Chris Rosales è una vecchia conoscenza del Festival Beat. Prima dietro i tamburi dei Get Lost poi con gli stessi Jackets aveva già calcato in passato il palcoscenico del Festival. Ma di certo garage-rock non ci si stanca mai. I Jackets sono svizzeri cresciuti a pane e Pebbles e attraversano le Alpi per dimostrarlo, ancora una volta. Per questo siamo pronti ad accoglierli e a ricambiare la loro passione. Un gradito ritorno.

Alle ore 23 sarà la volta dei tedeschi Dukes of Hamburg. Poteva mancare al Festival una band capace di rinverdire i fasti incendiari di Pretty Things, Outsiders e Tell-Tale Hearts? Certo che no! Eccovi serviti i Dukes Of Hamburg col loro R&B al calor bianco e la loro voglia di spedirvi dritti dritti con la macchina del tempo al Flamingo di Londra nel ’65 o al Cavern di Los Angeles nell’85. I Duchi di Amburgo faranno si che anche la Salsomaggiore del 2014 diventi un luogo da ricordare.

Partirà a mezzanotte il concerto degli spagnoli Excitements. Soul Soul Soul e R&B: gli Excitements terranno fede agli intenti espressi fin dal nome. Si, perché quelle che gli spagnoli spargono a piene mani dal vivo sono emozioni forti. La cantante è una giovane Tina Turner, dietro di lei una band coi fiocchi confeziona un tappeto sonoro rovente al quale è impossibile resistere. Per la durata del loro show, chiudete gli occhi e lasciate che le gambe rispondano agli ordini impartiti dagli Excitements: un torrente in piena, non provate a fermarli.

A concludere la serata il dj set della Festival Beat Dj Crew.